You are not logged in
Log in
Sign up
PremiumPlus family site
Welcome
My name is Vincenzo Palleschi and I started this site.
This site was created using MyHeritage.com. This is a great system that allows anyone like you and me to create a private site for their family, build their family tree and share family photos. If you have any comments or feedback about this site, please click here to contact me.
Our family tree is posted online on this site! There are 18849 names in our family site. The earliest event is the birth of Sancho III Garcés, Rey de Navarra e Castilla (991). The most recent event is the death of Joseph Filippa (Oct 7 2014).
The site was last updated on Oct 20 2014, and it currently has 310 registered member(s). If you wish to become a member too, please click here.   Enjoy!

Go to family tree
Family news
Yesterday
A site member joined another family site: Navrbjerg Web Site
A site member created a new family site: Sherman Web Site
A site member joined another family site: simard Web Site
Oct 16, 2014
A site member joined another family site: Duggan2
Oct 13, 2014
A site member joined another family site: Garcia - Garcia Leal Web Site
Oct 12, 2014
A site member joined another family site: Byrnes-Wielki Family Tree
A site member joined another family site: Riberholt Web Site
Oct 11, 2014
A site member joined another family site: Giovannas Web Site
Oct 10, 2014
A site member invited A site member to the site.
A site member invited A site member to the site.
 
View older news
News articles
Important:A new insight on the origins of the Palleschi Family
Posted by: Vincenzo Palleschi on Nov 6 2011 06:34

WARNING: FOR SEEING THE FIGURES PLEASE DOWNLOAD THE FULL FILE IN RTF FORMAT USING THE BUTTON “SEE THE FULL ARTICLE” AT THE BOTTOM OF THIS TEXT AND DOWNLOADING THE FILE FROM THE LINK AT THE RIGHT

One of the most puzzling issues of our family history is the passage from the adjective ‘palleschi’, intended as the generic name of Medici family in Florence, to the surname “Palleschi”, historically documented since the half of XVI century in the Liri Valley, in a region called “Terra di Lavoro” ("Land of Work" ) between Abruzzi, southern Lazio and Campania regions.

The most accredited theory, up to now, was linking the passage from the adjective to the surname to the driving away of the Medici from Florence in 1494, based on the hypothesis that the palleschi, their supporters, looking for shelter in the domains of Pope Alexander VI Borja – the Pope who sent Savonarola to the stake – settled themselves in the Valley of the River Liri, from Capisterello to Aquino, thus forming the central nucleus of the Family which still in present days shows the maximum concentration of their members in that zone. According to this theory, the ‘Palleschi’ surname would have generically identified the Medici supporters escaping from Florence, having its origin in the zone of arrival of our ancestors.

A recent discovery allows us proposing an alternative theory, which is probably more coherent with the historical evidence of the consolidated presence of the surname ‘Palleschi’ in the Liri Valley already in 1565 (Cicco (Francis) Palleschi, which built in that year a chapel in the name of the Loreto Virgin in Fontana Liri).

The first clue that we have to consider is the presence, in two different family groups, of the coat of arms shown in the following.

The most ancient of them belongs to the branch of the family of Giuseppe Palleschi (Rome, 1865). Giuseppe was a man of theater and caricaturist of the satiric journal “Marc’Aurelio”. The coat of arms is presently owned by Giorgio Palleschi (Tripoli, 1940). The youngest members of this branch are Alessia (1968), Andrea (1972) and Marco (1973).

The same coat of arms belongs to the family of Ezio Palleschi (1950). The youngest members of the branch of Ezio are Andrea (1985) and Daniele (1981).

These coat of arms, not considering the gold and red color scheme which could be an initiative of the artist who reproduced them, are very similar to the coat of arms of the Petrucci family, and in particular of the Siena branch of the family which at the beginning of XVI century got the double surname Petrucci-Palleschi because of the tight links with the Medici established by some members of the family. The historian Farulli, indeed, wrote: “Some Petrucci of the branch of the cardinal Raffaello were called Palleschi, because Leo X (Medici)[1] decided to put its ‘Palle’ (balls) in the coat of arms[2]

A Petrucci Palleschi from Siena is quoted in the Acts of the Marescotti Trial (1719) as a member of the Order of Knights of Saint Stephan of Jerusalem (commonly known as Knights of Malta).

The Coat of Arm of the Petrucci Palleschi family is depicted in the anonymous book “Coat of Arms of the Noble Families in Siena” (1706), showing the 234 coat of arms of the families which, either of ancient noble origin in Siena or associated to Siena nobility in more recent times, were participating to the city government (thus documenting the presence of the Petrucci-Palleschi family in Siena at least up to the beginning of XVIII century)[3]

A more recent version of the coat of arms of the Petrucci in Siena is depicted in the Collection Ceramelli Papiani (1896-1976) of the coat of arms of the noble families in Tuscany.

a)Petrucci from Pontremoli (Pisa); Fabio Petrucci entered the Pisa nobility in 1757 (file 6254). “Troncato: nel 1° d'oro, all'aquila retroguardante dal volo abbassato al naturale, posata sulla troncatura; nel 2° trinciato scalinato d'oro e d'azzurro” (L. oro 209/5).

b)Petrucci di Siena (file 6255). “Trinciato cuneato d'oro e d'azzurro, al capo dell'Impero” (L. oro 220/59); and

c)Petrucci Palleschi. Same as b) but “il tutto abbassato sotto il capo dei Medici” (attributed to the double surname for the tight links with the Medici established by some members of the family at the beginning of XVI century).

As a further confirmation of this theory, which has the Palleschi surname already consolidated in Tuscany, before the movement to the Terra di Lavoro, and also as the motive of this movement, is the documented network of economic interests that connected in XV Century the Petrucci to the Kingdom of Naples, which had its tragic conclusion with the so called “Barons Conspiracy” (1485-1486) against Ferdinand I in Naples which ended with the arrest and execution of Antonello Petrucci, Secretary of the King, and his two sons, for their alleged role in the conspiracy.

Later on, Pandolfo Petrucci, with the help of the noble Farnese family, raised to the power of Siena in 1499, obtaining the title of ‘Magnificent’ for the splendor of his court and his patronage of the arts. After his death, in 1512, his son Borghese followed in the seigniory, but he did not share the government skills of his father and was exiled from Siena. He went to Naples and got several fiefdoms in that regions. The second son of Pandolfo, Alfonso, became cardinal of S.Susanna but was executed in 1514 for having conspired against Pope Leo X.[4]

It’s thus plausible that, after being drove out from Siena for the faults of Borghese and after the troubles with the Pope and with the King of Naples following the execution of Alfonso, the Petrucci settled in Terra di Lavoro preferred associating their stay with the surname Palleschi, which was better considered by the local authorities and the Medici Pope. In fact, comparing the geographical distribution of the surnames Palleschi and Petrucci, and taking into account that the number of Petrucci families is larger than the Palleschi ones, it appears that a definite superposition is present exactly in the Liri Valley, maybe a reminder of the ancient coincidence of the two surnames.

If we have to give credit to this hypothesis, the first Palleschi (more precisely, Petrucci Palleschi) would have been from Siena, and not from Florence. To Florence, in any case, through the Medici family, we should trace back the genesis of the surname.

[1]Pope from 1513 to 1521

[2]Notizie Istoriche dell’Antica e Nobile Città di Siena, Opera di Gregorio Farulli, sotto lo pseudonimo di Francesco Masetti, romano, Supplemento Storico, Lucca, 1723, rist. anast., Bologna, 1986, p. 32.

[3] The presence of the family in Siena is further documents in the book “Siena diary” by Girolamo Gigli (1854) “The Chapel of Blessed Ambrogio Sansedoni was owned by the Petrucci Palleschi…”

[4] From the Unified Information System for the Archivistic Superintendences

0 Comments|32 Views|View full article
Family stories:In ricordo di Antonio Palleschi (1925-2011)
Posted by: Vincenzo Palleschi on Sep 23 2011 02:01

Dal libro: "I Palleschi" di Augusto Palleschi:

"Altro motivo d'interesse oltre che di curiosità è costituito dalla tradizione orale, conservata da Mario (1933) e da Antonio Palleschi (1925) di Colli, figli rispettivamente di Giovanni (1907) e Luigi (1902), pronipoti di Folco figlio di Angelantonio, secondo la quale quest'ultimo si trasferì a Colli di Monte San Giovanni Campano da Fontana o Santopadre, probabilmente per evitare di prestare il servizio militare.

Inoltre, Mario e Antonio ci raccontano una storia che coinvolge uno dei figli di Angelantonio, Raimondo, per il suo carattere iracondo.

Ma andiamo con ordine: Folco (1830) - che andava spesso in America - prestò, su richiesta, dei soldi al Parroco di Colli don Raimondo Raponi.

Successivamente ogni richiesta di restituzione della somma trovò sempre esito negativo.

Avvenne però che un giorno in cui Folco ed il figlio Antonio, recatisi per l'ennesima volta a reclamare, invano, il proprio credito, si imbattessero in Raimondo mentre litigava con un certo Pasqualotto col quale correva una vecchia ruggine dovuta a contrasti di vicinato (i loro terreni erano confinanti).

Va detto che Pasqualotto, Raimondo ed un altro, certo Moraldo, avevano sostato in una osteria per cui era inevitabile che la discussione tra Raimondo e Pasqualotto degenerasse. E così avvenne che Raimondo, munitosi di un coltello acuminato, ferì a morte Pasqualotto.

Sia Antonio che Raimondo vennero imprigionati ma in carcere rimase solo Raimondo in quanto Antonio venne prosciolto per le dichiarazioni, a lui favorevoli, dei testimoni e dello stesso Raimondo.

Nel frattempo Raimondo non cessava di manifestare il proposito di vendetta, allorché fosse tornato in libertà, nei confronti di coloro che avevano truffato il fratello Folco, ma a poco tempo dal termine della pena venne trovato morto in carcere, ucciso in modo misterioso.

Per la cronaca due circostanze in questa vicenda vanno segnalate: una riguarda il povero Pasqualotto che, ferito, non trovò soccorso da alcuno per il timore di un coinvolgimento nell'accaduto e l'altra che Masci Liberata, moglie di Antonio (1871), per sostenere le spese giudiziarie in difesa del marito fu costretta a vendere una sua proprietà terriera in località "Pantano" per 500 scudi.

Infine, sempre la memoria storica attribuisce a Raimondo un solo figlio, Serafino, che emigrò in America."

0 Comments|34 Views|View full article
Important:Dall’aggettivo al cognome: una nuova ipotesi sulle origini della famiglia Palleschi
Posted by: Vincenzo Palleschi on July 25 2011 17:17

ATTENZIONE, PER VISUALIZZARE LE IMMAGINI, SCARICATE IL FILE COMPLETO IN FORMATO RTF FACENDO CLICK SU "Vedi l'articolo completo" IN FONDO AL TESTO

L’aspetto forse più interessante della nostra storia famigliare è il meccanismo che ha portato al passaggio dai ‘palleschi’, sostenitori dei Medici e fiorentini, ai ‘Palleschi’ come famiglia, attestati fin dalla metà del 1500 nella zona della Valle del Liri, tra l’Abruzzo, il basso Lazio e la Campania.

La teoria finora più accreditata associava il passaggio dall’aggettivo al cognome alla cacciata dei Medici da Firenze del 1494, ipotizzando che i loro sostenitori avessero cercato rifugio nelle terre controllate dal Papa Alessandro VI – colui che mandò al rogo il Savonarola – e quindi si fossero stabiliti nella valle del fiume Liri, da Capistrello ad Aquino, formando il nucleo centrale della famiglia che ancora oggi vede la massima concentrazione dei suoi membri in quelle zone. Secondo questa teoria, il cognome ‘Palleschi’ sarebbe andato ad identificare genericamente i sostenitori dei Medici fuoriusciti da Firenze, formandosi quindi nella zona di arrivo dei nostri avi.

Una scoperta recente ci permette di proporre un’altra teoria forse più coerente con l’evidenza storica della presenza consolidata del cognome ‘Palleschi’ nella valle del Liri già nel 1565 (Cicco (Francesco) Palleschi che fece costruire una cappella in onore della Madonna di Loreto a Fontana Liri).

Il primo indizio da considerare è la presenza, in due diversi nuclei famigliari, di uno stemma nobiliare così definito: “interzato in fascia, nel 1o d'argento con sei palle di rosso, nel 2o d'oro con aquila nera coronata, nel 3o trinciato indentato d'oro e di rosso”

Lo stemma più antico, appartiene a un ramo della famiglia che risale a Giuseppe Palleschi (Roma, 1865). Giuseppe era uomo di teatro e caricaturista del giornale satirico "Marc'Aurelio". Lo stemma è attualmente in possesso di Giorgio Palleschi (Tripoli, 1940). I membri più giovani di questo ramo sono Alessia (1968), Andrea (1972) e Marco (1973).

Uno stemma sostanzialmente identico appartiene alla famiglia di Ezio Palleschi (1950). I membri più giovani del ramo di Ezio sono Andrea (1985) e Daniele (1981).

Questi due stemmi, a parte lo schema di colore oro/rosso che potrebbe essere una licenza dell’artista che li ha riprodotti, sono sostanzialmente identici allo stemma della famiglia Petrucci, ed in particolare al ramo senese della famiglia che agli inizi del XVI secolo assunse il doppio cognome Petrucci-Palleschi a causa degli stretti rapporti con i Medici tenuti da alcuni membri della famiglia. Scrive infatti il Farulli: “Alcuni Petrucci del ramo del cardinal Raffaello furono detti Palleschi, perché Leone X[1] le sue Palle volle inquartare nell’arme”.[2]

Un Petrucci Palleschi di Siena è citato negli atti del Processo Marescotti del 1719 come membro dei Cavalieri dell' Ordine di San Giovanni di Gerusalemme detto di Malta.

Lo stemma della Casata è riportato nel volume anonimo “Arme delle Famiglie Nobili di Siena” del 1706, che raffigura i 234 stemmi di quelle famiglie che, di antica origine senese o aggregate alla nobiltà di Siena in epoca recente, partecipavano allora al governo cittadino (documentando così la presenza della famiglia Petrucci-Palleschi in Siena ancora agli inizi del XVIII secolo)[3]

Una versione più recente dello stemma dei Petrucci senesi è riportata nella Raccolta Ceramelli Papiani (1896-1976) degli stemmi delle famiglie nobili toscane

a)Petrucci originari di Pontremoli (Pisa); Fabio Petrucci fu ammesso alla nobiltà pisana nel 1757 (fascicolo 6254). Troncato: nel 1° d'oro, all'aquila retroguardante dal volo abbassato al naturale, posata sulla troncatura; nel 2° trinciato scalinato d'oro e d'azzurro (L. oro 209/5).

b)Petrucci di Siena (fascicolo 6255). Trinciato cuneato d'oro e d'azzurro, al capo dell'Impero (L. oro 220/59); ai quali va aggiunto un

c)Petrucci Palleschi. Idem, il tutto abbassato sotto il capo dei Medici (attribuito al doppio cognome per gli stretti rapporti con i Medici tenuti da alcuni membri della famiglia agli inizi del XVI secolo).

Come ulteriore conferma di questa teoria, che vede il cognome Palleschi già consolidato in Toscana, prima dello spostamento in Terra di Lavoro, e anche come motivazione di questo spostamento, c’è la documentata rete di interessi economici che nel corso del XV secolo legava i Petrucci al Regno di Napoli, poi culminata nella tragica “Congiura dei Baroni” (1485-1486) contro Ferdinando I di Napoli che vide il Segretario del Re Antonello Petrucci prima arrestato e in seguito giustiziato, insieme ai suoi due figli, per il presunto ruolo avuto nella congiura.

In seguito Pandolfo Petrucci, con l'aiuto della famiglia Farnese, riuscì nel 1499 a diventare signore di Siena, ricevendo il titolo di Magnifico per lo splendore della sua corte e il suo mecenatismo. Morto nel 1512, gli successe il figlio Borghese, ma questi non aveva le qualità di governo del padre e fu cacciato da Siena; ritiratosi a Napoli, ottenne lì vari feudi. Il secondogenito di Pandolfo, Alfonso, divenne cardinale del titolo di S. Susanna, ma, avendo congiurato contro Leone X, perdette la porpora e la vita nel 1514.[4]

E’ a questo punto plausibile che, cacciati da Siena per l’incapacità di Borghese e caduti in disgrazia verso il Papa e nel Regno di Napoli dopo l’esecuzione di Alfonso, i Petrucci rimasti in zona negli anni abbiano preferito associare piuttosto la loro presenza al cognome Palleschi, meno inviso alle autorità locali. Non appare casuale, nel confronto delle distribuzioni geografiche e pur tenendo conto della maggior consistenza numerica delle famiglie Petrucci rispetto ai Palleschi, una certa sovrapposizione esattamente nella zona della valle del Liri, forse testimone di questa antica coincidenza dei due cognomi.

Se si dovesse dare quindi credito a questa ipotesi, i primi Palleschi (più precisamente, Petrucci Palleschi) sarebbero dunque stati senesi, e non fiorentini. A Firenze si deve comunque indubitabilmente ricondurre, attraverso i Medici, l’origine del cognome.


[1]Papa dal 1513 alla sua morte, nel 1521

[2]Notizie Istoriche dell’Antica e Nobile Città di Siena, Opera di Gregorio Farulli, sotto lo pseudonimo di Francesco Masetti, romano, Supplemento Storico, Lucca, 1723, rist. anast., Bologna, 1986, p. 32.

[3]La presenza della famiglia in Siena è ulteriormente documentata nel libro “Diario Senese” di Girolamo Gigli (1854) “La Cappella del B. Ambrogio Sansedoni era di proprietà dei Sigg. Petrucci Palleschi…”

[4]Tratto dal Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche

0 Comments|136 Views|View full article
Genealogy:Distribution of Palleschi Families in Italy
Posted by: Vincenzo Palleschi on Dec 7 2008 10:32
From http://www.gens.labo.net/en/cognomi/
0 Comments|41 Views|View full article
Genealogy:Gli stemmi dei Palleschi
Posted by: Vincenzo Palleschi on Dec 7 2008 10:25

Tutti gli stemmi della famiglia (al 100% inaffidabili Laughing)

Già l'Araldica non è una scienza esatta, poi quando ci si mette di mezzo l'interesse economico è la fine. Diciamo che queste immagini testimoniano l'ingenuità dei nostri padri (e a volte anche dei nostri nonni).

Stemma 1: Lo stemma più antico, appartiene a un ramo della famiglia che risale a Giuseppe Palleschi (Roma, 1865). Giuseppe era uomo di teatro e caricaturista del giornale satirico "Marc'Aurelio". Lo stemma è attualmente in possesso di Giorgio Palleschi (Tripoli, 1940). I membri più giovani di questo ramo sono Alessia (1968), Andrea (1972) e Marco (1973).

Stemma 2: Stemma delle famiglie D'Emilia e Palleschi. Secondo le informazioni riportate, la famiglia Palleschi avrebbe dato a...

1 Comment|133 Views|View full article
Genealogy:Some Information about the Palleschi Family
Posted by: Vincenzo Palleschi on Dec 6 2008 10:47

The palleschi, also known as bigi, were partisans of the Medici family in Florence. The name derived by the Medici Coat of Arm, containing six 'balls' (palle).

Massimo D'Azeglio, an italian writer and historian, in his "Niccolò de' Lapi, or the Palleschi and the Piagnoni", [1] wrote explicitely: "the part of the citizens which improved their reputation and got rich under the Medici.... was called pallesca" (D'Azeglio, 1866)

On April, 26th 1478, at the end of the so called "Pazzi Conspiracy" which resulted the death of Giuliano de' Medici (brother of Lorenzo, which was himself seriously wounded) the people of Florence responded to the cry "Freedom, freedom!" by Jacopo de' Pazzi with "Palle, palle!", in a clear reference to the Medici coat of arms and, more broadly, to their partisans palleschi. Aldo Arcangeli, in his book 'The Strozzavolpe Castle' says that the conspirator Jacopo Bracciolini, secretary of Girolamo Riario, 'was hang by the Palleschi because of the Pazzi conspiracy" (Arcangeli, 1960).

The substantial equivalence between Palleschi and Medici partisans is confirmed by the letter written by Niccolò Machiavelli "Il ricordo ai Palleschi del 1512" [2], a plea to the Palleschi, returned in Florence after twenty years of exile, in favor of the Gonfaloniere Piero Soderini "exiled by the government of the Florence Republic" (Vivanti, 1997).

In the same way is clear the rivalry among the Palleschi, partisans of the Medici family, and the Piagnoni, followers of Girolamo Savonarola. Massimo D'Azeglio in "Niccolò de' Lapi" says that "the parts of Piagnoni and Palleschi, rivals for old rancors and new insults, kept the city divided' (D'Azeglio, 1866).

After the death of Savonarola, the interests of the Palleschi become differentiating from the Medici, as testified by the "Storia Fiorentina" of Benedetto Varchi (Firenze 1503-1565) in relation to the opposition of the Palleschi against the Pope Clemente VII Medici (Varchi, 1857).

The fortunes of the Palleschi were nevertheless strictly connected to the Medici, as for example during the siege of Florence by Charles V when the Florence government hardly repressed "the enemies within the walls", i.e. the Palleschi which stayed in the city (Bertelli, 1986)

Many of them preferred the exile to Venice, Bologna or Rome for avoiding the arrest and the violences described by D'Azeglio in "Niccolò de' Lapi" (D'Azeglio, 1866)

From adjective to surname

Despite the fact that the roots of the family are definitely Florentine, the presence of Palleschi in Tuscany is limited, at present time. It is indeed plausible that the adjective 'palleschi' became a surname after the first exile of the Medici from Florence and the resulting escape of the 'palleschi' towards more friendly territories (Palleschi, 1998). This migration of the Medici partisans is probably responsible of the present concentration of Palleschi in territories that were, at the time, under the influence of the Pope (Fontana Liri, Monte S. Giovanni Campano), in Marche and Abruzzi (Montefiore, Capistrello) and in central Europe, where the Medici maintained strong economical interests. At present time, the largest number of Palleschi families resides near Rome and Frosinone, in the former Terra di Lavoro province. The presence of the Palleschi family in that region is testified by the fact that one of the most important building in Fontana Liri is the Palleschi Palace [3]. It also seems that around 1800 a bandit named Mario Palleschi was raiding the region between Lazio and Abruzzi with a big rifle but, in fact, 'he never harmed anyone' (Pistilli, 1987). The phonetic variants 'Pallesco', 'Paleschi', 'Pallesi' and 'Pelleschi' are less diffused. However, in 1649 a Pietro Paleschi, notary of Montefiore and benefactor, "Ordered in his last wills that every year and forever a maiden would be helped to marry with the revenues of one of his property". (Palleschi, 1998). After the emigration at the end of XIX century, a large group of Palleschi left the region of Fontana Liri and Monte S. Giovanni Campano mainly towards United States and Canada, but also towards England, as testified by the fact that in 1948 a Pietro Palleschi, owner of a pub in Birmingham but born in Calamecca, near Piteglio (Pistoia), tried to assume the identity of the famous runner Dorando Pietri. His plot was discovered while he was ready to reach London, where he was supposed to start the Olympic marathon [4]. The descendants of the Palleschi emigrated abroad are now living mainly in United States and Canada, where they have roles of high responsibility and social prestige.

The Palleschi in history

The fist 'Palleschi' known with the surname is a Cicco (Francesco) which in 1565 founded a chapel in the name of the Madonna of Loreto, in Fontana (now Fontana Liri). However, it's possible that the first record of the Palleschi surname, although distorted, should be referred to a Peter Achin (Joachin) Pal(l)eske which bought in 1433 a property (Freihof) in Penkun, near Stettin, for the trading of salt. (Montorio, 1715). Assuming that 'Palleske' would be a phonetic variation of the surname, among the members of the family should be also considered the German actress Heidi von Palleske. [5]

Bibliography

  • F. Serafino Montorio, "Lo Zodiaco di Maria", Napoli 1715
  • Benedetto Varchi, "Storia Fiorentina", Felice Le Monnier, Firenze 1857
  • Massimo D'Azeglio, "Niccolò de' Lapi, ovvero, i Palleschi e i Piagnoni", Felice Le Monnier, Firenze 1866
  • Sergio Bertelli, Franco Cardini, Elvira Galbero Zorzi, "Le Corti Italiane del Rinascimento", Mondadori 1986
  • Aldo Arcangeli, "Il castello di Strozzavolpe", Ed. Nencini, Poggibonsi 1960.
  • Generoso Pistilli, "Fontana Liri, due centri, una storia", Fontana Liri 1987
  • "Niccolò Machiavelli - Opere - volume I", a cura di Corrado Vivanti, Einaudi-Gallimard, Torino 1997
  • Augusto Palleschi, "I Palleschi", Roma 1998
0 Comments|56 Views|View full article
Genealogy:Curiosità
Posted by: Vincenzo Palleschi on Nov 21 2008 00:00

Curiosità

  • Si dice anche che intorno al 1800 un bandito di nome Mario Palleschi terrorizzasse le campagne laziali e abruzzesi armato di un grosso fucile ma che, in realtà, 'non avesse mai fatto male a nessuno'.
  • Assumendo che 'Palleske' possa essere effettivamente una variante fonetica del cognome, tra le componenti della famiglia va annoverata anche Heidi von Palleske, nota attrice cinematografica tedesca.
  • Uno degli edifici più imponenti di Fontana Liri è il Palazzo Palleschi
  • Nel 1948, un Pietro Palleschi, 65enne gestore di un pub a Birmingham ma originario di Calamecca (PT), tentò di farsi passare per il mitico maratoneta Dorando Pietri. Fu smascherato mentre stava per partire per Londra, dove avrebbe dovuto essere lo starter della maratona olimpica
0 Comments|17 Views|View full article
Genealogy:Personaggi Palleschi
Posted by: Vincenzo Palleschi on Nov 20 2008 23:59

I Palleschi nella Storia

Il primo 'Palleschi' noto con questo cognome è un certo Cicco che nel 1565 fece costruire nel Regno di Napoli, a Fontana (odierna Fontana Liri) una cappella in onore della Madonna di Loreto. E' tuttavia possibile che la prima testimonianza storica del cognome Palleschi, per quanto storpiato, sia da riferirsi alla persona di Peter Achin (Joachin) Pal(l)eske che nel 1433 acquistò una proprietà (Freihof) a Penkun, vicino Stettino, dedicandosi al commercio del sale.

I Palleschi nella Società

1623 - Rocco Palleschi: nominato Arciprete della Chiesa Parrocchiale in Fontana il 10.06.1623

1638 - Girolamo Paleschi: Notaio in Montefiore, si ha un suo rogito datato 23.07.1638

1649 - Pietro Paleschi: Notaio in Montefiore e benefattore. "Ordinò nel suo testamento che coi frutti del suo podere si dii ajuto nel maritare una zitella ogni anno ed in perpetuo"

1705 - Girolamo Palleschi: è primario chirurgo di Gubbio

1714 - Giuseppe Palleschi: nominato Arciprete della Chiesa Parrocchiale di Santo Stefano in Fontana in data 08.04.1714

1716/1723: Giacomo Palleschi: risulta nell'elenco dei contribuenti di Colli

1719 - Petrucci Palleschi di Siena: compare nell'elenco dei Cavalieri dell' Ordine di San Giovanni di Gerusalemme detto di Malta

1714 - Ferdinando Palleschi: nominato Arciprete della Chiesa Parrocchiale di Santo Stefano in Fontana in data 28.08.1729

1806/1807 - Giovambattista Palleschi: Sindaco di Fontana

1814 - Giuseppe Palleschi: Patrocinatore addetto al Tribunale di Prima Istanza in Tivoli sotto l'impero di Napoleone I

1820 - Filippo Palleschi: Sindaco di Fontana

1828 - Vincenzo Palleschi: Curato ed Economo, prese parte agli avvenimenti di Posta Fibreno nel Cilento

1828/1852 - Gaetano Palleschi: nominato Arciprete della Chiesa Parrocchiale di Santo Stefano in Fontana

1861/1862 - Giuseppe e Raffaele Palleschi: Amministratori del Comune di Fontana Liri. Giuseppe sarà assessore nel 1889

1864 - Angelo Palleschi: è Guardia Demaniale in Roccaguglielmina presso il Corpo Reale del Genio Civile

1866 - Achille Palleschi: è Direttore Didattico in Roma

1875 - Padre Gioacchino Palleschi (al secolo Benedetto, 1875/1930) di Fontana Liri, è stato per due volte Abate del Convento di Palanzana (VT). Si fece promotore di una campagna moralizzatrice contro il ballo: 'Non è in queste riunioni che tutti i sensi sono portati alla voluttà? Non è in queste riunioni che il demonio accende con furore il fuoco impuro nel cuore dei giovani per distruggere in essi la grazia del Battesimo?... Non è qui che l'inferno si procura quanti schiavi esso vuole?'

1898 - Edmondo Palleschi: Grande Ufficiale per meriti umanitari. Ha esercitato la professione medica in Roma

1915/1926 - Pasquale Palleschi: Sindaco di Fontana Liri

1921 - Dioniso Palleschi: affermato avvocato operante a Isola Liri

1932 (1991) - Giuseppe Palleschi: imprenditore agricolo, titolare insieme al figlio Vittorio di una azienda vinicola in Cori (LT)

1924 - Carlo Palleschi: Ten. Generale dell'Aeronautica

1925 - Antonio Palleschi: insegnante elementare in Cori, ha ricevuto nel 1995 la Medaglia d'oro al valore educativo

1925 - Roberto Palleschi: Consigliere Comunale a Roma per il Partito Socialista Italiano, Presidente della Regione Lazio negli anni '70, due volte deputato al Parlamento e Sottosegretario di Stato al Commercio Estero nei governi Cossiga, Spadolini e Fanfani. Nel 1995 ha pubblicato un libro dal titolo: 'Anche gli angeli vanno alla guerra'

1929 - Franco Palleschi: fratello di Roberto, è prima Direttore Generale della Cassa di Risparmio di Roma e poi Direttore Generale del CEDACRI Nord di Collecchio (PR)

1933 (2000) - Augusto Palleschi: è stato Direttore della Banca d'Italia a Nuoro, Terni, Latina, Arezzo e Roma. Autore della monografia 'I Palleschi', ha raccolto buona parte delle informazioni sulla famiglia che sono qui riportate

1949 - Francesco Palleschi: dal 1990 è stato Capo Stazione nello Scalo ferroviario di Roma Ostiense

1950 - Paul Palleschi: Consigliere Regionale dell'Area Ward 2 in Canada.

1960/1970 - Luigi Palleschi: amministratore di Fontana Liri

1971 - Antonio Palleschi, nato a Messina, è un realizzatore di siti web aziendali e personali nonché amministratore del sito http://www.palleschi.it

1972 - Andrea Palleschi: è Senior analyst per la BeA-asia Private Equity, in Cina.

1975/1980 - Luigi, Angelo e Antonio Palleschi: amministratori di Fontana Liri

I Palleschi nell'Arte

1935 - Ernesto Nino Palleschi: è un affermato pittore-incisore, opera in uno studio in via Merulana a Roma ed insegna tecniche incisorie sempre a Roma. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti nazionali e internazionali. Nel 1990, la Regione Lazio gli ha commissionato il simbolo che l'ha rappresentata ai Mondiali di Calcio 'Italia 90'

1960 - Teresa Palleschi:pittrice. Nata in Ciociaria. Ha esposto in mostre personali e collettive in varie città d’Italia. Sue opere si trovano in musei e collezioni private in Italia ed all’estero.

I Palleschi nella Letteratura

1891 - Filippo Palleschi: scrittore e saggista, autore tra l'altro di 'Echi dell'anima', versi - Lanciano, Carabba

1907 - Giuseppina Palleschi Sgarbi: autrice di 'Novelle per giovinette'-Roma

1942 - Eduardo Palleschi: autore di 'I rimedi minerali nell'opera di Dioscuride', Ist. Storia della Medicina - Roma

1954 - Giorgio Maria Palleschi Altopascio: autore della prefazione del libro 'Foglie al vento' di P.Tarzia - Salerno

1956 - Virgilio Palleschi: autore di 'Albe e Tramonti' - Milano

1978 - Francesco Palleschi: autore di 'La questione meridionale' - Brescia

I Palleschi nella Musica

1787/1795 - Luigi Pelleshi: è autore di un 'postcomunio' per organo catalogato dal giapponese Hiroco Kishimoto nel Fondo Musicale Venturi di Montecatini. La deformazione che ha interessato il cognome è dipesa con ogni probabilità da intervenute trascrizioni. L'autore doveva godere di una certa considerazione, visto che gli veniva attribuito il titolo di 'Maestro'

1787/1795- Luigi, Giovanni e Francesco Pelleschi: Luigi Pelleschi è Primo Clavicembalo in diverse rappresentazioni musicali a Firenze dal 1787 al 1795. Giovanni e Francesco Pelleschi sono entrambi Primo Clavicembalo in opere rispettivamente del 1790 e 1791

1806 - (Gasparo) Palleschi: il poeta ed improvvisatore Tommaso Sgricci (Castel Fiorentino 1789/Arezzo 1836) compose una farsa per la Contessa Cocchi Bellini (gentildonna fiorentina, la cui casa lo Sgricci frequentava) 'che il Palleschi pose in musica'. Si dice che la Contessa fosse bellissima e che recitando avesse suscitato l'ammirazione del Foscolo. Si racconta inoltre che cantando in serate di beneficenza la Bellini facesse andare in delirio il pubblico fiorentino. L'evento è confermato da una lettera della Cocchi Bellini che dice: 'Nel Carnevale vorrei recitare e forse con uno che non v'immaginate mai chi è: Sgricci mi fa una farsa da mettersi in musica dal Palleschi. Non lo so cosa riuscirà!'. Nel volume 'La musica del Granduca: Vita musicale e correnti critiche a Firenze', di Marcello de Angelis, si dice anche che il contralto Teresa Cicconi era stata allieva di un Palleschi, professore di canto all'Accademia delle Belle Arti (1825). Nel 1993, l'organista Antonio Galanti ha eseguito un brano composto da Gasparo Palleschi, sulla base di un manoscritto rinvenuto nella biblioteca del Seminario Vescovile di San Miniato. L'esecuzione è stata pubblicata su Compact Disk dalla Accademia degli Euteleti di San Miniato.

1961 - Carlo Palleschi: nato a Terni, è un affermato musicista e direttore d'orchestra. Ha ricevuto innumerevoli riconoscimenti nazionali e internazionali.

1961 - Laura Palleschi: sorella di Carlo, è anch'essa pianista affermata e insegnante di musica a L'Aquila

1975 - Fabio Palleschi: è addetto ai tromboni dell'orchestra 'I musici rovetani', la cui denominazione si ispira alla Val Roveto, valle che si estende per lo più in territorio abruzzese tra Sora e Capistrello, ed è percorsa dal fiume Liri

1980 - Lisa Palleschi: artista pop emergente negli Stati Uniti, ha pubblicato nel 2006 l'album 'Released'

1980 - Luca Palleschi: è stato voce solista dei gruppi rock-progressive 'Obscura' e 'Moongarden'

1991 - Yumi Palleschi, figlia del Maestro Carlo, ha cominciato a studiare pianoforte all'età di quattro anni e ad 8 anni ha eseguito il suo primo recital. Ha partecipato a vari concorsi, nazionali ed internazionali, classificandosi sempre ai primi posti.

I Palleschi nella Scienza

1932 - Achille Palleschi: dopo una formazione in medicina e in chimica, esperita in Germania, ha intrapreso la carriera ospedaliera. E' stato Primario del Laboratorio di Analisi di Rovigo e Trecenta e autore di numerose pubblicazioni scientifiche.

1936 - Massimo Palleschi: fratello di Achille, è gerontologo romano di chiara fama, Primario geriatra dell'Ente Ospedaliero San Giovanni Addolorata di Roma e Presidente della Società Italiana Geriatri Ospedalieri (SIGO). A lui fa capo la 'Fondazione Internazionale Palleschi per l'aiuto all'anziano'. E' autore di numerose pubblicazioni scientifiche.

1948 - Giuseppe Palleschi: è professore di Chimica Analitica presso la Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali e Direttore del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Chimiche dell'Università di Roma Tor Vergata. E' autore di numerose pubblicazioni scientifiche.

1948 - Claudio Palleschi: nato a Roma, è Professore Associato presso il Dipartimento di Biologia Cellulare dell'Università 'La Sapienza' di Roma. E' autore di numerose pubblicazioni scientifiche.

1948 - Marino Palleschi: professore ordinario presso il Dipartimento di Matematica 'Federigo Enriques' dell'Università degli Studi di Milano. E' autore di numerose pubblicazioni scientifiche.

1949 - James Palleschi: affermato urologo, opera a Santa Rosa (CA) negli Stati Uniti.

1951 - Antonio Palleschi: è professore ordinario di Chimica-Fisica alla Facoltà di Scienze M.F.N. dell'Università 'Tor Vergata' di Roma. E' membro del Senato Accademico dell'Ateneo e Presidente del Consiglio di Corso di Laurea in Chimica Applicata. E' autore di numerose pubblicazioni scientifiche.

1960 - Vincenzo Palleschi: è Primo Ricercatore presso l'Istituto per i Processi Chimico-Fisici del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Pisa. E' uno dei maggiori esperti internazionali della tecnica 'Laser-Induced Breakdown Spectroscopy' (LIBS) e autore di numerose pubblicazioni scientifiche.

1965 - Simonetta Palleschi: è Ricercatrice del Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina Molecolare dell'Istituto Superiore di Sanità, a Roma

I Palleschi nello Sport

1950 - Ralph Palleschi è stato Chief Operating Office della squadra statunitense di Hockey New York Islanders

1970 - Francesco Palleschi, detto 'Caccola', è capitano della squadra dei Gunners Fontana Liri 2002, che milita nelle serie minori del calcio dilettantistico italiano

1975 - Cesidio Palleschi è un difensore della squadra di calcio abruzzese del Cavaliere, che milita in Promozione A

1980 - Antonio, Luciano e Gianluca Palleschi sono calciatori della A.S.D. VA.LI.CO. Mentana Calcio, che milita nel Campionato Provinciale di Calcio di Roma Terza Categoria - Girone B

1980 - Pietro Palleschi è un giocatore degli Italian Gladiators, una squadra di Hockey canadese

1983 - Matthew Palleschi, nato a Richmond Hill, Ontario, è un calciatore canadese che milita nella squadra degli Italia Shooters nella Canadian Soccer League

1985 - Manuel Palleschi è un giovane motociclista di Isola Liri. Nel 2008 ha vinto il trofeo Ducati Challenger riservato alle moto 848 (Classe Supersport)

I Palleschi nello Spettacolo

1960 - Paola Palleschi è giornalista e intrattenitrice della radio locale 'Radio Movida' di Frosinone

1970 - Michael Palleschi è sceneggiatore di serie TV negli Stati Uniti ('America's Funniest Home Videos', 'Blind Date')

0 Comments|162 Views|View full article
Genealogy:Dall'aggettivo al cognome
Posted by: Vincenzo Palleschi on Nov 20 2008 23:57

Sebbene le radici della famiglia siano indubbiamente fiorentine, la presenza dei Palleschi in Toscana è attualmente molto ridotta. E' plausibile infatti che l'aggettivo 'pallesco' si sia trasformato in cognome solo dopo la prima cacciata dei Medici da Firenze e il conseguente allontanamento dei 'palleschi'. Questo spostamento dei sostenitori dei Medici potrebbe essere alla base dell'attuale forte concentrazione di Palleschi nei territori del centro-Italia all'epoca vicini al Papa (Fontana Liri, Monte S. Giovanni Campano), nelle Marche e in Abruzzo (Montefiore, Capistrello) e nel centro Europa, nelle regioni insomma in cui i Medici mantenevano importanti interessi economici. A tutt'oggi il numero più consistente di famiglie con cognome Palleschi si trova nelle province di Roma e Frosinone. Le variazioni fonetiche 'Pallesco', 'Paleschi', 'Pallesi' e 'Pelleschi' hanno diffusione minore. A seguito dei flussi migratori degli inizi del XX secolo, un nutrito gruppo di Palleschi si è mosso dalla zona di Fontana Liri e Monte S. Giovanni Campano principalmente verso gli Stati Uniti. I discendenti di questi emigrati oggi vivono in massima parte in California e nello stato di New York, rivestendo ruoli anche di grande responsabilità e prestigio sociale.

0 Comments|44 Views|View full article
Visits
0027054
 
Loading...
Loading...